MINDAUGAS RUTKAUSKAS – Ceramista

Mindaugas Rutkauskas è stata impegnata nell’artigianato della produzione di piastrelle e della ceramica per oltre 20 anni. Questo grande artista è nato il 1° gennaio 1956 a Kaunas. Si è laureato all’Università di Vilnius, Facoltà di Storia, nel 1981. Dopo la laurea non riusciva a trovare un posto di lavoro in accordo con la sua formazione a causa di vincoli di governo del tempo (la Lituania faceva allora parte dell’Unione Sovietica) così si è interessato alla ceramica. Nella Lituania indipendente divenne membro dell’Unione degli Artisti Folk nel 1991. Questa unione è un’organizzazione creativa, indipendente, volontaria e senza scopo di lucro che unisce i migliori artigiani popolari nelle sezioni di pittura, scultura, grafica, Forgiatura, ceramica, tessitura, lavoro a maglia, gioielli, treccia, e arte personalizzata. Unisce non professionisti che non hanno educazioni professionali nell’arte e nell’artigianato. Oggi l’arte lituana popolare è considerata come una parte significativa della cultura etnica che riflette le tradizioni e la percezione unica del mondo. A Mindaugas Rutkauskas è stato attribuito lo status di creatore d’arte nel 2007. Questo stato viene dato alle persone il cui lavoro artistico viene valutato positivamente come arte professionale e le cui attività artigianali svolte vengono riconosciute come creazione artistica professionale. Infine, piastrelle, brocche, ciotole, piatti, pentole, vasi e fischi di Mindaugas Rutkauskas sono stati certificati come prodotti del patrimonio nazionale nel 2010. I prodotti patrimonio nazionale non sono oggetti certificati di artigiani, non provenienti da una produzione di massa, ma fatti a mano con materie prime tradizionali o nuove tecnologie sulla base delle tradizioni pur mantenendo le caratteristiche qualitative e composizioni uniche dei prodotti.

Mindaugas Rutkauskas opera praticamente in tutti i principali processi di produzione della ceramica a partire dalla ricerca dell’argilla più adatta, la sua pulizia, l’impasto, la modellazione della ceramica e finendo con la costruzione del forno, la fusione e la vetrificazione. Tutto questo viene fatto in conformità con i principi della ricostruzione artigianale, cioè utilizzando strumenti, materiali e tecniche che sono stati utilizzati nel periodo di produzione di ceramica ricostruita. I mezzi tradizionali vengono utilizzati in processi come la preparazione dell’argilla, lo stampaggio, e la modellazione della ceramica, la decorazione, e la vetrificazione nelle varie sezioni della fusione. I risultati dei test chimici sono in fase di analisi; le diverse masse di argilla sono in fase di preparazione, analoghi campioni archeologici sono selezionati  e vengono modellati e fusi.

Mindaugas Rutkauskas concentra molta attenzione sullo studio delle collezioni e delle note etnografiche nei musei. Ha conoscenze archeologiche riguardanti lo sviluppo delle culture e le diverse tecnologie ceramiche di queste culture, analizza il materiale iconografico e le tecnologie, le ricostruzioni degli stampi e delle fusioni di campioni archeologici selezionati. Allo stesso tempo, ricostruisce una vecchia tecnologia della ceramica gotica e rinascimentale in via sperimentale, esplora e ricostruisce le vecchie stufe piastrellate, per esempio analizzando l’evoluzione delle stufe piastrellate, campioni degli stampi delle piastrelle, dei calchi in gesso e delle matrici degli stampi di argilla.

Mindaugas Rutkauskas oltre alle sue attività artigianali implementa anche altre iniziative legate all’artigianato e alla storia. Egli è uno degli organizzatori e dei partecipanti della Fiera Internazionale Bartolomeo, che si svolge ogni anno nel mese di agosto a Vilnius. Questa fiera rappresenta una ricostruzione del tardo Medioevo e dell’artigianato, l’arte e le tradizioni delle corporazioni in periodo Rinascimentale, operate per diversi secoli a Vilnius. Mindaugas Rutkauskas è anche uno dei fondatori di PI “Gilda dell’Artigianato”, che opera già da 13 anni. Si tratta di un laboratorio – galleria aperto che cerca di far rivivere e preservare le tradizioni artigianali, partecipando nel campo dell’esposizione, dell’educazione, delle attività culturali e sociali in Lituania e negli eventi e progetti a livello internazionale. Mindaugas Rutkauskas svolge anche attività di formazione, vale a dire che insegna la produzione ceramiche di piastrelle di solito per singoli adulti e svolge programmi di educazione non formale per i bambini.

La tenuta di Bistrampolis e le stufe piastrellate

Questa tenuta è esistita sin dalla seconda metà del XV secolo. E’ appartenuto alla famiglia Bistramai dalla seconda metà del XVII secolo sino al 1940. Più tardi, la tenuta fu nazionalizzata, e successivamente abbandonata, cominciando a decadere. La casa della proprietà fu costruita nel 1850 ed è sopravvissuta sino ad oggi. Il palazzo a due piani è costruito nello stile classicista ed è di forma rettangolare. La facciata principale è decorata con un portico di quattro colonne erette al secondo piano sopra il portico a tre arcate. Il primo piano del palazzo era adibito alle stanze per gli ospiti e tutto il lato destro aveva una grande sala. Il secondo piano era dedicato alla rappresentazione. Aveva saloni più grandi e più piccoli, una sala pranzo, uno studio, ed una libreria. I proprietari terrieri avevano collezionato 2000 libri, un ricco archivio familiare ed una collezione d’arte. Nel 1997 la tenuta passò alla Cattedrale di Cristo Re a Panevėžys. I nuovi proprietari non tutelarono il parco, e quindi gli edifici della tenuta caddero nell’incuria. Dal 2003, la tenuta è sotto il patronato del PI “Centro delle possibilità d’integrazione giovanile”, che si è occupato anche del mantenimento e del restauro.

Mindaugas Rutkauskas ha costruito due forni in questa tenuta, attenendosi alla produzione e decorazione tipica della tradizione delle piastrelle in territorio lituano (storica e attuale). http://www.bistrampolis.lt/

Storia del successo

Rispondendo alla domanda se le sue attività possano essere chiamate una storia di successo, Mindaugas Rutkauskas racconta che è felice di aver trovato il suo posto sotto al sole e si sta impegnando nella sua attività preferita che non porta entrate significative. Eppure, i soldi non sono l’obiettivo. Questo è diverso, per esempio consiste nel ricostruire i pezzi persi nelle stufe piastrellate in conformità con la storia e la tradizione, e se non c’è materiale iconografico allora restaurarlo utilizzando la propria intuizione e conoscenza storica che aiutano a ricostruire la verità storica.

Altre foto delle stufe piastrellate si possono trovare qui: http://www.amatugildija.lt/index.php?option=com_content&view=article&id=58&Itemid=63

2 thoughts on “MINDAUGAS RUTKAUSKAS – Ceramista”

  1. Estoy muy interesado en conseguir algún libro sobre las casitas de cerámica de Lituania. Había visto alguna en España y este verano he visitado Vilnius, Riga y Tallin y me quedé maravillado al visitar las tidendas de souvenirs con esa inmensa cantidad de modelos de casitas de cerámica artística que he tenido oportunidad de visitar. He comprado algunas y quisiera iniciar una colección tan numerosa como mis posibilidades me lo permitan y así continuar disfrutar de tan maravilloso y bonito arte de vuestras casitas de cerámica.
    Desearía saber si, además de las páginas que se pueden encontrar en Internet, sería posible, si los hay, conseguir libros-catálogo de cerámica artística para poder comprar.
    Agradezco su atención y desde ya su repuesta.
    Reciba un cordial saludo de:
    Dr. Miguel Angel Simón Ezeyza
    Calle Montemedio
    URBANIZACIÓN EL VIVERO No. 36
    MARBELLA – 29602 – (Málaga)
    ESPAÑA

  2. Dear Dr. Miguel Angel Simón Ezeyza,

    as we understood correctly, you would like to purchase a book about Lithuanian ceramic small houses made as souvenirs which you saw while visiting Lithuania, Vilnius during your trip to Baltic countries?
    At this moment we can sell you a book “Lithuanian Folk Pottery” by Anthony Stellaccio published in 2011. The book provides an extensive review of traditional Lithuanian folk ceramics. The first part of the paper analyses and presents context of formation of specific traditional ceramics in Lithuania in the 19 to 20th century: it characterises evolution of ceramics in both prehistoric (starting with the Neolithic Era) and various historic times. It observes that the Lithuanian traditional ceramics was affected by various and different cultures, with corresponding equivalents to be found in traditional ceramics of neighbouring countries. The second part of a paper is dedicated to various traditional forms of Lithuanian folk ceramics and their regional varieties. It refers to application of ceramic items in daily household. It then concerns specific dishes for catering, keeping and serving, ceramic items found in interior (flower pots, vases, candlesticks and toys). The third part of a paper concerns the ornaments and symbols behind Lithuanian folk ceramics, as well as specific combinations of symbols. The paper specifically discusses most common symbols of earth, heaven, water, etc. found in ceramics; these are analysed in general cultural context. The paper notes symbols of flower motives, expression of the tree of the world, animals displayed, etc. in traditional ceramics. It concludes that traditional symbols in Lithuanian ceramics shall be interpreted as determined by specific cultural glossary, as well as being archetypically universal. The fourth part of a book focuses on production technology, production means, production process and the environment of traditional Lithuanian folk ceramics.

    You can visit these sites, some of them are only in Lithuanian:
    http://www.suvena.lt/
    http://www.ceramicshouses.eu/1_en.html
    https://www.citysouvenirs.lt/ranku-darbo-keramikos-suvenyrai/nameliai
    http://www.epigone.lt/?cat_id=143
    They produce and sell souvenirs. Maybe you will find necessary information.

    If we did not answer to you request as you hoped, please, specify it in English. We will try to help you as much as possible.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *